Trekking Val Gardena

3 escursioni trekking in Val Gardena da fare in meno di un giorno

Il bello di passare le vacanze in Val Gardena è che non vi annoierete proprio mai. Fare trekking in Val Gardena significa incontrare foreste fitte e sconosciute, valli di smeraldo a perdita d’occhio e sentieri incantati sotto allo sguardo benevolo delle Dolomiti, che vi accompagnerà ad ogni passo del vostro trekking.

Se non siete mai venuti qui, vi proponiamo 3 itinerari di trekking in Val Gardena adatti a tutti, sia agli esperti, sia agli escursionisti alle prime armi.

 

Trekking nel Parco Puez-Odle

Il vostro trekking comincia proprio da Selva di Val Gardena e si snoda per circa 6 ore lungo i tracciati del Parco Naturale Puez-Odle. Salite verso il Ciampac, fermatevi ad ammirare lo spettacolare paesaggio e poi salite ancora più in alto, verso il Passo Crespeina, da cui si gode una vista mozzafiato sui monti intorno. Da qui si prosegue per il Passo Gardena, a oltre 2000 metri di altezza. Una volta raggiunta la vostra meta, prendete la cabinovia del Dantercepies e tornate a Valle.

Trekking sul Sella

Il Gruppo del Sella è da sempre uno dei percorsi trekking più amati delle Dolomiti: i paesaggi lunari e cristallini, l’atmosfera rarefatta e solitaria, i panorami incredibili, lo rendono una meta speciale. Ma fate attenzione: si arriva a 3000 metri di altitudine ed è necessario essere in perfette condizioni fisiche per affrontarlo. Si parte dal Passo Pordoi da cui prendere il sentiero che conduce al Rifugio Cavazza al Pisciadù. Togliete le scarpe e immergete i piedi nelle acque gelate dell’omonimo lago, una tavola turchese che fa da specchio alle montagne e che rende la vista davvero imperdibile. Da qui potete tornare al Passo Gardena con il sentiero 666.

Tekking sul Sassolungo

Il Sassolungo è il re incontrastato di Selva Val Gardena: un massiccio alto e piatto che al tramonto si colora di rosa e regala scenari fiabeschi indimenticabili a chi si trova in Val Gardena. Potete osare avviarvi partendo dal Monte Pana, raggiungibile in seggiovia da Santa Cristina. Raggiungete la base del monte e scegliete se dirigervi verso il Rifugio Demetz a piedi o il Rifugio Vicenza con la cabinovia. Da qui potrete godervi un’impareggiabile vista e poi progettare il rientro a piedi per la discesa verso l’Alpe di Siusi.